Storie di Napoli, la linea rosa. Dal complesso dell’Annunziata a San Giovanni a Carbonara attraversando porta Capuana

0

Al confine del centro storico seguiamo un filo rosa che collega storie di donne, quelle mosse dalla disperazione e dall’amore, e storie di regine angioine – le uniche donne sovrano nella storia del regno di Napoli –  e dei loro amanti; scopriremo edifici che nascondono segreti scampati alle fiamme, la “buca” più speciale della città e un giardino segreto.

Avete voglia di “vedere” una storia? Ci accompagna Annarella, lei appena sedicenne, si avvicinò alla “buca” con quel fagottino tra le braccia, alle prime luci dell’alba, sperando di eludere gli sguardi del popolino indolente che abitava il quartiere. La calura estiva invece aveva già svegliato tutti da qualche ora e la “buca” offriva uno spettacolo imperdibile anche se in quel secolo dei lumi si ripeteva più volte al giorno; c’era chi insultava e chi semplicemente richiamava l’attenzione sulla ragazza. Il fagottino entrò perfettamente nella buca, un ultimo salute e Annarella si assicurò che il bigliettino con il nome da lei scelto e la medaglietta sacra fossero ben assicurati con una spilla da balia alle fasce: un giorno avrebbe potuto riconoscerla e riprenderla con sè. Entrava ufficialmente tra i “figli della Madonna”, attraverso la ruota del complesso dell’Annunziata, che già dai tempi dei sovrani d’Angiò accoglieva orfanelli. Magari –pensava Anna mentre depositava quella figlia non riconosciuta dal suo nobile padrone- fosse lei nata regina, come ad esempio la regina che per il suo amante aveva commissionato la più suggestive tomba medievale nella Chiesa di San Giovanni a Carbonara, così vicino…a due passi dal più grande orfanotrofio del sud Italia.

A Napoli accade che…ci sono due anime, una povera e derelitta, come ben ci racconta il grande complesso dell’Annunziata, con Chiesa vanvitelliana, ospedale, orfanotrofio e la famosa “ruota” con annessa “buca”. E c’è un’anima ricca, colta e potente come una seppur piccola chiesa, San Giovanni a Carbonara, dimostra con formidabile potenza. Con la linea rosa vi accompagnerò in un percorso al di fuori dei luoghi comuni e nello stesso tempo a due passi da essi.

Il tour non prevede ingressi a pagamento. Il tour può subire delle modifiche (da concordare col cliente) nel caso in cui gli edifici in questione subiscano chiusure impreviste.

 

Francesca

 

Per maggiori informazioni e prenotazioni contattaci!

Share.

Comments are closed.