Da Piedigrotta a Mergellina: storie di maghi, santi e poeti.

0

Visita guidata, della durata di circa 2 ore, attraverso alcuni dei luoghi più rinomati della tradizione e della rappresentazione di Napoli.

Dal Parco Vergiliano a Piedigrotta dove il culto di Virgilio, poeta e mago, cede il passo ad una delle feste e devozioni mariane più radicate nella cultura napoletana, fino al borgo di Mergellina, alla scoperta di quel mondo di pescatori e naviganti immortalati per secoli da pittori e poeti.

Ma Virgilio è davvero sepolto a Napoli? Se è vero che ciò che resterebbe del suo corpo non è più, o non è mai stato, custodito nel mausoleo della Crypta Neapolitana, di certo l’anima di Virgilio è sempre rimasta a Napoli, nella città da lui tanto amata, che nei secoli lo ha ricambiato con un repertorio di miti e leggende che lo hanno visto trasformarsi da sommo poeta a mago ed addirittura santo!!!

E forse proprio in quell’antro, incredibile prova d’ingegneria della civiltà romana, che secoli dopo renderà omaggio anche a Giacomo Leopardi, gli antichi culti pagani di Mitra, Demetra e Dioniso si trasformeranno nella devozione per la Madonna di Piedigrotta. Quanti di noi ricordano il fasto scintillante dei carri, le melodie della tradizione che accompagnavano le danze ed i festeggiamenti, quando re, nobili, borghesi e plebei per una notte si riunivano, senza distinzione alcuna, per celebrare la natività della Vergine Maria.

Dalle antiche cavità della Madre-Terra il nostro itinerario giunge presto al mare, a Mergellina, l’antico borgo dei pescatori che ancora oggi, tra chalet, ristoranti, yacht e chioschi zeppi di “taralli ‘nzogna e pepe”, attraccano all’alba le loro barchette piene di ogni ben di Dio. Si perché a Napoli non c’è domenica d’estate che si rispetti senza una frittura di paranza ed un sauté di vongole e “maruzze”.  E sicuramente di notte, prima di ripartire per gettare le loro reti, quei pescatori volgono puntualmente lo sguardo verso la piccola chiesa di Santa Maria del Parto, posta in alto, a proteggere chiunque affronti il mare.  Ma in questo tempio, che custodisce le spoglie di Jacopo Sannazzaro, ci attende un altro mistero: il diavolo di Mergellina, chi di voi riuscirà a scoprirlo?

Share.

Comments are closed.