2 canzoni napoletane che hanno fatto la storia

0

O Sole Mio e Funiculì Funiculà sono due canzoni napoletane che hanno fatto la storia di questa forma di musica tradizionale ormai nota in tutto il mondo.

Oggi conosciamo meglio la storia dietro due brani che hanno fatto conoscere la città di Napoli e la canzone napoletana nel mondo. I compositori di O sole Mio e Funiculì Funiculà sono riusciti a tradurre in musica le atmosfere della città, arrivando a rappresentalra nel mondo.

Sebbene il riconoscimento più prestigioso fosse la partecipazione al festivla di Piedigrotta, le canzoni napoletane della tradizione mostrano ancora oggi la loro grandezza essendo cantate in tutto il mondo.

 

O ‘Sole Mio

Tra le canzoni napoletane, O sole mio è probabilmente la più famosa che tutti hanno cantato almeno una volta nella vita! Questa canzone napoletana ha raggiunto l’apice quando Yuri Gagarin ne intonò il motivo mentre era nello Spazio.
Anche se O ‘Sole mio è una delle canzoni più rappresentative di Napoli, il brano non fu scritto a Napoli. Il musicista Eduardo Di Capua la compose, utilizzando dei versi scarabocchiati dall’amico Giovanni Capurro, nel 1899 durante una tournée in Ucraina.
Sebbene la canzone ottenne il secondo posto al prestigioso Festival musicale di Piedigrotta, entrambi gli autori morirono in povertà.

 

Funiculì Funiculà

Se O Sole Mio è un brano che rappresenta la città di Napoli ovunque, Funiculì Funicolà è stata la prima canzone napoletana che è stata cantata in tutto il mondo.

La canzone fu scritta per celebrare l’apertura della funivia del Vesuvio, quasi come se fosse una pubblicità.
Pur avendo atteso per molto tempo la costruzione della funivia, dopo l’entusiasmo iniziale i turisti e i residenti la trascurarono. Così, Funiculì Funiculà venne scritta per incoraggiare i viaggiatori a servirsi di questo mezzo. Pur non riuscendo a ottenere un maggiore utilizzo della funivia, la canzone vinse il Festival di Piedigrotta e vendette 1000 copie, un record per l’epoca.

 

Share.

Comments are closed.