Il Carnevale di Napoli… in tavola!

0

Come da tradizione, anche a Napoli il Carnevale è la festa degli eccessi che si celebra il martedì che precede l’inizio della Quaresima.

La festa del Carnevale deve il suo nome al latino. Infatti, “carnem levare” significa togliere la carne poiché tale festività coincide con l’ultimo giorno prima della Quaresima in cui si può consumare la carne e tutti gli avanzi devono essere cotti. Oggi, la Quaresima si continua ad osservare anche se con meno restrizioni.

A Napoli il Carnevale è un’occasione per celebrare tradizioni secolari! Ecco cosa non può mancare in un menù napoletano per questa festività.

Le tradizioni della cucina napoletana per Carnevale

Se volete vivere il questa festa da veri napoletani, ci sono alcune ricette con cui fare pratica! Anche se Carnevale 2021 è il 16 febbraio, suggeriamo di provare e riprovare anticipatamente queste ricette.

 

  • Lasagna
    A Carnevale la Lasagna è una tradizione da rispettare!!! La lasagna è senza dubbio la portata principale del pranzo per questa festività, nonché la più attesa da molti. È il piatto che meglio rappresenta l’eccesso che questa festa deve trasmettere. Ci sono molti modi per preparare una lasagna: a Napoli, si mettono: pasta, sugo, pepe, latticini, polpette o carne macinata.

 

  • Dolci: chiacchiere e sanguinaccio
    Le tradizioni culinarie italiane più importanti per il Carnevale sono i dolci. La cucina napoletana di Carnevale solitamente prevede “chiacchiere” e “sanguinaccio”.
    Le “chiacchiere” sono dolci tradizionali la cui ricetta varia da regione a regione: possiamo sicuramente dire che sono strisce di impasto per dolci fritte e ricoperte di zucchero a velo.
    Un altro dolce tradizionale di Carnevale è il “sanguinaccio”, una crema a base di cioccolato la cui ricetta varia anche da regione a regione. Le variazioni possono riguardare la presenza di cioccolato, caramelle, liquori… L’antica ricetta del sanguinaccio prevedeva anche il sangue di maiale, da cui il nome. Tradizionalmente, significava che nulla viene buttato via! Oggi, per fortuna, possiamo assaggiare questo dolce senza questa aggiunta. 
Share.

Comments are closed.