Cosa vedere a Capri

0

Cosa vedere a Capri, l’isola di origine calcarea che ha incantato intellettuali di tutte le epoche.

Dalla metà del XIX secolo artisti, intellettuali, scrittori, esiliati, eccentrici e ricchi visitatori scelsero l’isola come residenza permanente o stagionale, formando una colonia cosmopolita che creò il mito di Capri, la Grotta Azzurra e i famosi Faraglioni, tre imponenti scogli che formano gli elementi caratteristici del paesaggio di Capri insieme alla Grotta Azzurra.

Cosa vedere a Capri

Nel corso della storia, tante celebrità hanno affollato la famosa piazzetta Umberto I a Capri. Per questo è una delle piazze più famose al mondo. È lì che si svolgeva il mercato di frutta e di pesce finché, nel 1938, non ha aperto un bar.
La principale caratteristica architettonica della piazza è la Torre dell’orologio sulla quale svetta l’orologio decorato con maioliche.

Capri è stata abitata sin dall’VIII secolo a.C., quando Greci e Fenici la scelsero come loro dimora. Il primo vero ammiratore di Capri fu l’imperatore Tiberio che vi si stabilì intorno al 26 a.C. e vi costruì 12 ville magnifiche, dando a ciascuna di esse il nome di una divinità. Tra queste, suggeriamo di visitare Villa Jovis, dove l’imperatore si ritirò a vita privata.

Il panorama più bello di Capri lo si vede dal Monte Solaro, il punto più alto dell’isola da cui l’occhio non ha confini. Gode ​​di una splendida vista su Anacapri, il Golfo di Napoli, la Penisola Sorrentina e il Golfo di Salerno.

L’edificio storico più grande è la Certosa di San Giacomo, un antico monastero costruito nel XIV secolo e ancora oggi luogo di pellegrinaggio.

Da visitare è anche la chiesa barocca di San Michele Arcangelo, famosa per il suo meraviglioso pavimento piastrellato che mostra la cacciata di Adamo ed Eva dal Giardino dell’Eden da parte di un angelo con una spada fiammeggiante.

Share.

Comments are closed.