4 curiosità su Napoli, aggiornato al 2020

0

Ecco  quattro curiosità su Napoli, fatti aggiornati a dicembre 2020

Di Napoli si discute in tutto il mondo quasi quotidianamente: la sua reputazione o fama è cosa nota ovunque. Eppure, ci sono alcuni fatti che solo le persone del posto possono conoscere, come la reale situazione del turismo e la sicurezza. Ecco perché la redazione di AccadeaNapoli ha deciso di selezionare 4 curiosità da sapere su Napoli, considerando tutte le novità che portato il 2020.

 

4 cose da sapere su Napoli nel 2020

  • Come va il turismo
    Negli ultimi anni il turismo è esploso a Napoli, facendo sì che le strade fossero gremite da viaggiatori italiani e stranieri che si sono accorti della bellezza di questa città e della necessità di visitarla. Mentre inizialmente i partenopei non erano preparati all’esplosione di turismo, negli ultimi anni si sono adeguati all’enorme affluenza di persone. 

 

  • Una città a strati
    Ciò che affascina di questa città è che sembra fatta a strati. Ognuna corrisponde a una delle culture del Popolo che colonizzò la città e lasciò un segno: Greci, Romani, Francesi e Spagnoli. Attraversando le strade della città, aguzzate la vista per scoprire i punti rivelatori!

 

  • Sulla sicurezza
    Come già detto altrove e come in tutte le grandi città, Napoli ha dei luoghi meravigliosi e dei luoghi da evitare assolutamente. Tra le zone da evitare ci sono quella della stazione centrale di notte e tutte le aree poco illuminate. Anche se la città è più sicura che in passato, poiché non esiste un posto al mondo sicuro al 100%, il consiglio è di prestare sempre attenzione!

 

  • Napoli e COVID-19
    Anche se l’Italia sta ancora combattendo contro il COVID-19, visitare il Napoli è sicuro se si rispettano tutte le regole per prevenire il contagio. Come in molte altre nazioni, anche in Italia e a Napoli bisogna continuare a indossare la mascherina nella maggior parte dei luoghi e rispettare le norme di distanziamento sociale dove necessario.
Share.

Comments are closed.